Home » Precedenti Armatori

Precedenti Armatori

James Uchtred Farie (1925-1930)

   James Uchtred Farie, nato nel 1873, fu un pluridecorato Contrammiraglio della Royal Navy e protagonista della Battaglia di Jutland, ha commissionato Gometra nel 1925 all'amico Alfred Mylne come cruiser veloce. Regata nelle acque del Clyde fino al 1928 quando conosce la sua seconda moglie Eila Isabel Laurie e decide di trasferirsi a Falmouth in Cornovaglia e successivamente a Lymington nell’Hampshire dove dovette a malincuore vendere Gometra perchè sul fiume non c'era un ormeggio sufficientemente grande.

Stato di Servizio nella Royal Navy del Contrammiraglio Farie
James Uchtred Farie (1925-1930) - Gometra1925

William Blaine Luard (1930-1934)

William Blaine Luard (1930-1934) - Gometra1925
   William Blaine Luard fu armatore di Gometra tra il 1930 e il 1934. Di estrazione militare era un Tenente della Royal Navy e prestò servizio durante la Prima Guerra Mondiale dalla quale tornò con una disabilità permanente dovuta alla tubercolosi. Questo non lo fermò nella sua attività di yachtsman e continuò a navigare con molte barche, Gometra tuttavia resta un suo particolare orgoglio.

    Luard era anche scrittore di successo, nella sua raccolta di esperienze di mare intitolata "Where the Tides Meet" dedica a Gometra un capitolo nel quale descrive l'ultima crociera che effettuò con la barca in un fine settimana di Pasqua del 1934 quando traferì la barca da Falmouth a Bagor in Scozia, porto d'armamento del successivo armatore.  


Stato di Servizio nella Royal Navy del Tenente Luard

Leonard Reynolds (1934-1936)

   Leonard Reynolds acquistò Gometra da William B. Luard nel 1934 ed assieme a quest'ultimo la condusse a Bagor, vicino al Cheshire dove risiedeva. Assieme all'amico di famiglia e medico Dr Kennedy Young, Reynolds utilizzò Gometra per lunghe navigazioni nel Clyde con spesso a bordo i fligli Peter e la piccola Particia di soli 6 anni. In particolare si ricorda la partecipazione alla famosa Tobermory Race. Fu probabilmente Reynolds a commissionare a Mylne alcune modifiche come l'aggiunta del secondo osteriggio e lo spostamento della cucina verso poppa. In questo periodo cambiò anche il colore dele fiancate da blu a bianco.

James F. Lang (1937-1939)

   Di James F. Lang si sa pochissimo, è segnato come armatore di Gometra nel Lloyd Register del 1937 con porto di armamaento Greenock, nel Clyde vicino a Glasgow e presumibilmente fu lui a cederla al Governo Norvegese per la missione del trasferimento dell'oro.

Governo Norvegese (1940)

   Il Governo Norvegese appare nella lista degli armatori di Gometra in vitù del coinvolgimento nella missione del salvataggio dell'oro dall'invasione nazista.

Per approfondimenti.

Ernest Allison Bell (1941-1945)

Ernest Allison Bell (1941-1945) - Gometra1925

   Dopo l'arrivo di Gometra ad Halifax il governo norvegese vendette la barca ad Ernest A. Bell, presidente del The Maritime Dental Supply Company e membro importante, nonchè precedente Commodoro, del Royal Nova Scotia Yacht Squadron. Bell navigò a bordo di Gometra con il suo amico e famoso architetto navale William J. Roué che fu skipper   in occasione della sfida per la Coronation Cup del 1943. Sfortunatamente durante gli anni della guerra l'attività velica era molto limitata e Gometra fu ormeggiata presso il Chester Yacht Club in attesa di tempi migliori.

Gus Ortengren (1946-1950)

Gus Ortengren (1946-1950) - Gometra1925

   Alla fine della guerra Gometra viene acquistata da Gus Ortengren che la trasferisce a Vancouver con le Canadian Pacific Railways. Ortengren era membro del Royal Vancouver Yacht Club e navigava insieme alla moglie Ruth e al figlio Ronald. Nel 1949 Ortengren condue Gometra alla prima vittoria della Beaver Cup in una regata di circa 100 miglia.

Kenneth G. Glass (1951-1956)

Kenneth G. Glass (1951-1956) - Gometra1925

   Ken GlassCommodoro del Royal Vancouver Yacht Club nel biennio 1953-54, capisce subito le potenzialità agonistiche di Gometra e ne cura un completo restauro e commissiona all'architetto navale Ben Seaborn di Seattle una modifica del piano velico frazionato, le vele sono commissionate alla veleria inglese Rastey&Lapthorn. Dal 1953 diventa socio armatore l'amico Elmer Palmer, anch'egli membro del Royal Vancouver Yacht Club che con Glass condivideva la passione per il mare.

   Ken Glass conduce due volte, nel 1951 e nel 1954, Gometra alla vittoria della Beaver Cup, regata di circa 100 miglia nell'area di Vancouver.

 

Elmer J. Palmer (1953-1967)

Elmer J. Palmer (1953-1967) - Gometra1925
   Elmer Palmer divenne socio armatore di Gometra nel 1953 assieme a Ken Glass, egli fu un membro importante del RVYC, Commodoro nel biennio 1957-58, mantenne la barca a livelli competitivi per diversi anni vinvendo tre edizioni della Beaver Cup, nel 1954, nel 1957 e nel 1958. Tra i successi di Palmer e della sua famiglia si ricordano anche la White Islets Race del 1951, la Fraser River Lightship Race del 1952 e la vittoria del C.O. Julian Trophy del 1957 dopo l'affermazione di Miss Gail Palmer nella Lady Skippers’ Race.

    Nel 1957 Palmer rilevò la quota di Glass e divenne Commodoro del Royal Vancouver Yacht Club, abbandonate le Swiftsure Races continuò a far navigare Gometra nelle acque di Vancouver come yacht portabandiera dello Yacht Club fino al 1967 ospitando spesso a bordo personalità illustri.

Alec Manson (1968-1969)

   Alec Manson, avvocato di uno studio privato della zona di Kerrisdale di Vancouver è stato per alcuni anni armatore di Gometra e la mantenne al Royal Vancouver Yacht Club. Ancora con lo scafo di colore nero fu amorevolmente accudita e mantenuta in buone condizioni da Manson e dalla figlia Sandy con cui condivideva la passione per la vela.

Robert W. Butt (1970-1973)

   Robert Butt, anch'egli membro del Royal Vancouver Yacht Club, acquistò Gometra dalla famiglia Palmer e continuò l'attività agonistica partecipando a diverse regate. Molto amico di Dieter Skibbe, che di Gometra era anche skipper, e di Ken Downie con i quali condivideva la passione per il mare e l'attività agonistica nella classe Dragone. Dei rumors raccontano che Butt e Skibbe avessero diverse opinioni sul colore da dare a Gometra, divergenza scoperta solo quando uno stava onestamente pitturando una fiancata di nero e l'amico, altrettanto in buona fede, pitturava la sua metà di bianco.

Kenneth Thurston (1974-1975)

   Kenneth Thurston ottenne Gometra da Robert Butt in una trattativa terriera e dopo averla trainata su per il fiume Fraser navigò per un periodo sull'Harrison Lake assieme al figlio Josh. Pare che Thurston vendette Gometra al fotografo danese Walter Vazel de young residente anch'egli a Vancouver ma non se ne hanno certezze.

David Millis (1976-2003)

David Millis (1976-2003) - Gometra1925
   David Millis, un ingegnere elettrico di origini scozzesi, acquistò Gometra nel 1976 dopo alcuni rapidi passaggi di proprietà e da subito ha messo moltissima cura nella manutenzione della barca con l'istallazione di un nuovo motore ed alcune modifiche per renderla più adatta alle navigazioni d'altura.

    Millis ha intrapreso assieme a Gometra una mini odissea lungo le coste pacifiche del continente americano partendo dal Canada e navigando lungo le coste degli Stati Uniti, del Messico e prendendo parte alla regata transpacifica Victoria-Maui del 1976.

    Nel 1978 prende parte nuovamente alla Swiftsure races per poi stabilirsi definitivamente a Baja California dove continuò a regatare e vincere nelle
Bandaras Bay International Regatta. Nel 1983 David Millis compie un importante restauro i cui effetti fortunatamente hanno fatto sì che Gometra arrivasse fino ad oggi in discrete condizioni.

Molly Holt (2003-2006)

Molly Holt (2003-2006) - Gometra1925
   Molly Holt trovò Gometra nel 2003 in stato di semi abbandono in La Paz a "Port of Illusions", con sforzi immensi e un anno di intensi lavori nonostante le interruzioni dovute agli uragani Ignacio e Marty riuscì a riportare Gometra ad una buona condizione. Assieme ai suoi figli Ishbel e Arran e al fedele cane hanno intrapreso con Gometra una lunga crociera nel Mar di Cortez.

    Negli anni successivi Gometra ha navigato per più di 2500 miglia lungo le coste del Messico, del Guatemala e di El Salvador. Dopo qualche tempo i due figli di Molly hanno deciso di "ammutinarsi" pretendendo una vita meno nomade e Gometra rimase per un lungo periodo a Bahia del Sol. Recuperata nel 2006 fu riportata via cargo in Europa, a Tolone e da lì fino a Nizza, sua ultima casa.